PRONTI, PARTENZA…

… VIA (?)

27 settembre 2016

Dice il detto “chi ben comincia è a metà dell’opera”… ecco, non è il nostro caso!

Avrei voluto dirvi che una volta arrivati in aeroporto tutte le paure e le ansie degli ultimi mesi sono scomparse magicamente lasciando spazio solo all’entusiasmo per questo nuovo bellissimo viaggio! Invece no… a noi piace riempirci la testa di pensieri e di problemi da risolvere, quindi tutta la parte “del lieto fine di una fase e splendido inizio di una nuova avventura” la rimandiamo a dopo Perth! L’avventura comunque è iniziata, ed io sono stremata quasi fosse già marzo e stessimo tornando indietro!

Brevemente?

Siamo arrivati a Bologna, dopo essere stati fermi in autostrada per circa 50 minuti, corriamo per fare il check-in all’ultimo (quello subito dietro di noi è rimasto giù perché dovevano chiudere il volo) e ci dicono: “Le pratiche del vostro visto turistico per 6 mesi non sono ancora concluse: NON POTETE PARTIRE!”

Non potete partire??? A noi?

E quindi? “Dovete richiedere il visto breve (eVisitor, turistico per tre mesi e gratuito) ma ora non c’e più tempo dobbiamo chiudere il volo. Andate all’Ufficio della Emirates e chiedete per un nuovo volo e per il visto. Ci pensano loro”. Tanti saluti e care cose!

N O N C I P O S S O C R E D E R E!

Sto per avere una crisi isterica ma Simone prende in mano la situazione!

Sono le tre del pomeriggio. All’ufficio della compagnia ci sono una signora un po’ ansiosa (senti da che pulpito) e un signore: Paola e Mauro ovvero la nostra salvezza… insieme a mio fratello Emanuele!

desespero

disperazione… attesa in aeroporto a Bologna

Dalle tre alle cinque abbiamo, anzi hanno studiato tutti insieme (io mi sono dissociata per problemi di ansia e di nervi) le possibile alternative, abbiamo fatto una richiesta per un’altro visto, prima io e Simone, poi la Sig.ra Paola con il risultato che ora abbiamo un visto per tre mesi e due pratiche in corso, e abbiamo cambiato il volo di andata , mentre la Signora Paola continuava a farci terrorismo psicologico sulla dogana australiana “Avete mai visto ‘Airport security’? L’australia è da paura!”. No, non l’ho visto sto programma, ma sembra sia l’argomento preferito di tutti, al pari di ragni, squali, serpenti e coccodrilli ogni volta che si parla di Australia! E comunque non l’ho visto ma mi ha già fatto venire il terrore!

Paola e Mauro comunque non hanno mai smesso di fare il tifo per noi! Si sono adoperati per risolvere in tutti i modi il casino creatosi a causa di informazioni sbagliate da parte di collaboratrici poco sul pezzo e di tempistiche troppo strette!Sembrava impossibile trovare un nuovo volo ma quasi in contemporanea verso le 16.30 si sblocca sto maledetto visto, ci prenotano due voli per il giorno stesso da Malpensa e trovano un’alternativa eventuale per il rientro!

Ok tutto sistemato quindi!?

Sta ceppa: sono le 17.00, dobbiamo essere a Malepensa per le 20.00!

Emanuele (mio fratello) quasi incredulo ma sorridente, credo solo per rasserenare me, si rimette in auto di gran lena e parte con andatura sportiva verso la tangenziale di “Milano di fine giornata”! Oramai il panico era nei nostri occhi, la tensione pure, ci aspettavamo veramente l’invasione delle cavallette sull’A1! Forse però è solo una questione di famiglia perché in questi casi per fortuna Simone mantiene una serenità invidiabile e trova il modo di sdrammatizzare con battute allucinanti!

Arriviamo a Malpensa, andiamo a stampare i biglietti, imbarchiamo le valige, passiamo il gate nonostante il drone nel bagaglio a mano… siamo arrivati, o meglio, ora possiamo partire!!! Siamo salvi, posso respirare! Riapro gli occhi e penso a che incredibile e meravigliosa avventura ci attende… ma poi arriva una hostess della Emirates e con un sorrisino misto tra compatimento e simpatia ci dice “Avete mai visto il programma ‘Airport security’? Beh in Australia è davvero così!!”.

Buon viaggio!

29/09/2016 01.30 am – Perth

Ragazzi smettetela di guardare trasmissioni fuorvianti e fomentatrici di panico… perché poi contagiate anche me. E non serve!

Scherzi a parte!  

Indubbiamente l’Australia, in fatto di immigrazione, è un Paese estremamente rigido. Ha una normativa seria “non interpretabile”, dalle maglie molto strette. Però organizzandosi per tempo e con le giuste informazioni credo non sia poi così complicato. Io ero terrorizzata. Dopo più di 20 ore di volo già mi rivedevo spedita al mittente con un calcio nel sedere per chissà quale motivo.

Controllano tutto alla dogana. Deve esserci il passaporto, il visto, il foglietto per l’immigrazione. Controllano i bagagli da stiva e a mano. Non vogliono cibi stranieri (ma quelli mi sa un po’ dappertutto: entrando in Cile dall’Argentina 10 anni fa quasi mi arrestano per un’arancia e una mela), né droghe o intrugli strani di medicine tradizionali. Sono un po’ rigidi, ma possiamo dar loro torno?

Detto questo, in aeroporto alle 2.00 di mattina si aggiravano solo poche persone ma tutte straordinariamente cordiali, gentili e allegre:

  • la signora alla dogana, bionda sorridente e ospitale. Con un gran sorriso, controllati i documenti, ci ha augurato buon viaggio consigliandoci anche qualche posto da visitare;
  • Il ragazzo della hall, che pesava “20 kg” in maniche corte, con un color grigio morto sul volto a causa dei 5 gradi di temperatura esterna, nonostante tutto ci ha accompagnati alla fermata del bus navetta senza perdere il buon umore;
  • La signora del bus, una quasi settantenne sprintosa più che mai alle 2.00 di notte che scende dalla navetta e come una nonna ci dice: “non vi porto al terminal 4 perché non apre ancora e morite di freddo… ripasso più tardi, ora andate a scaldarvi al terminal 1!

… e l’elenco potrebbe continuare! Tanti piccoli gesti di umanità, gentilezza spontaneamente arrivati conditi con un bel sorriso. Un’accoglienza migliore non potevo immaginarla! Ammetto che a parte il freddo birichino e il sonno, arrivare qui mi ha fatto una bella impressione! Ora siamo in volo verso Sydney, immersi in un’alba meravigliosa!

PRONTI, PARTENZA… VIA!

ciao

pronti, partenza…via!

 

Annunci

5 risposte a “PRONTI, PARTENZA…

  1. Pingback: COUCHSURFERS AUSTRALIA: TUTTE LE PUNTATE! | viaggio a modo mio·

  2. Pingback: Australian Visa. Faccio un salto fuori poi torno! Visti, sponsor e altre follie | viaggio a modo mio·

  3. Pingback: Visto per l’Australia. Faccio un salto fuori poi torno! Visti, sponsor e altre follie | viaggio a modo mio·

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...